Tanto da dire

Avrei tante cose da dire ma è troppo più bello dormire, potendo, o pensare a meraviglie da potersi fare ma da non fare: lo scotto di esistere è sapere di essere niente e desiderare tutto, sapendo con chiara, distinta e inevitabile certezza che il tutto non vale un bel rutto.
Domani, forse domani, a più mani, amami o lasciami, per sempre, nel niente, incosciente, dormiente, assente.

Grazie per capirmi ancora e suggerirmi il silenzio, impossibile.

È ora, io vado, anche tu è ora che vada, non voltarti, non tornare, potrei riamarti… Addio mia amata, addio.

Advertisements