Sui tag

Qualche parola sulla gestione dei tag…

Innanzitutto i tag di questo blog ed, in genere, di ogni altro blog, non sono affatto come i cosiddetti hashtag che si usano ad esempio su Twitter o in altri social network. Gli hashtag identificano infatti in maniera molto generica un argomento di discussione e d’interesse all’interno di un network di persone che interagiscono o che possono interagire tra loro (ad es. via brevi messaggi nel caso di Twitter). Nel caso dei blog invece, e sicuramente di questo in particolare, i tag sono una maniera per etichettare sinteticamente un contenuto, cioè per categorizzarlo. Ad esempio il tag unix riguarderà senz’atro un articolo che tratta in qualche modo di un ambiente unix, che sia Linux o un altro sistema unix. L’uso poi di ulteriori tag permette di dettagliare il contenuto perché se al tag unix ci aggiungo shell significa che l’articolo riguarda il programma di shell, se inoltre aggiungo bash allora si capisce che parla della bash shell e se si abbonda scrivendo script siamo sicuri che si tratta di un articolo su di uno script di shell bash. A questo punto però ci si accorge che sarebbero bastati gli ultimi 2 tag, cioè bash e script per categorizzare precisamente l’articolo in quanto entrambi presuppongono sia unix che shell. Questo è certamente vero ma, secondo me, nell’ottica di una ricerca dal generale al particolare è meglio inserire anche i primi due tag perché una ricerca di unix e/o di shell troverà anche quei tag e dunque quell’articolo.

I tag sono paritari e non si annidano come le categorie ma è sempre meglio utilizzarli come se fossero categorie annidate e nella quantità sufficiente: diciamo che dai due ai quattro tag possono di solito bastare ad indicare con buona specificazione il contenuto di un articolo ed anche la sua forma (ad esempio poesia, nonsense, racconto, saggio, foto o altro).

Il fatto di non essere annidati hanno il vantaggio di far incrociare percorsi diversi e senza bisogno di una organizzazione gerarchica: ad esempio i tag precedenti unix script shell incrociano unix script perl e quest’ultimo incrocia windows script perl, cioè il tag script incrocia due sistemi operativi diversi (unix e windows) e due programmi diversi (shell e perl).

Di qui in poi cercherò di essere coerente con quanto ho appena scritto, ma non posso prometterlo… 😀

Annunci